Horsemeat scandal sparks rise in sales of vegetarian alternatives | UK news | guardian.co.uk

Britons are increasingly turning to vegetarian alternatives amid concerns sparked by the horsemeat scandal, according to food producers.Quorn, the UKs biggest vegetarian ready meal brand, said it had seen sales growth more than double in the second half of February as shoppers snapped up its burgers, mince and sausages made from a form of fungus. The company is having to increase the number of shifts at its fermenting plant to cope with demand.

viaHorsemeat scandal sparks rise in sales of vegetarian alternatives | UK news | guardian.co.uk.

Editoriale: merendine, una categoria in flessione | GDO News

La categoria delle merendine si può considerare un mercato saturo e con un crescente allontanamento di interesse da parte del consumatore, attribuibile oltre alla crisi anche ad un suo cambio di abitudini.

viaEditoriale: merendine, una categoria in flessione | GDO News.

Spreco alimentare: finisce nell’immondizia un terzo del cibo prodotto nel mondo | Il Fatto Alimentare

«Un grave problema sono gli standard di qualità che danno troppa importanza all’aspetto dei prodotti e le pratiche commerciali che incoraggiano i consumatori a comprare più cibo di quello di cui hanno effettivamente bisogno»: Olivier De Schutter, relatore speciale dell’Onu per il diritto al cibo, ha accettato di parlare con Ilfattoalimentare.it sul tema dello spreco, a margine di un incontro su biocarburanti e sicurezza alimentare.

via | Il Fatto Alimentare.

Il cibo viene sprecato in ogni fase della produzione e del consumo: in Europa fino a 115 kg a testa all’anno.

Lo spreco alimentare ha risvolti negativi di ambito non solo etico, ma anche economico, ambientale, sociale, nutrizionale e sanitario. Perciò gli eurodeputati chiedono alla Commissione europea di proclamare il 2013 “Anno europeo contro lo spreco alimentare”

via Il Fatto Alimentare.

Gli italiani vogliono una vita sostenibile – Corriere della Sera

 

La ricerca Sostenibilità e stili di vita emergenti, realizzata da Gpf per Sette ha raccolto 2.500 interviste che hanno coinvolto un campione vario della popolazione di età compresa tra i 15 e i 74 anni. Obiettivo: individuare le abitudini adottate per ridurre l’impatto sull’ambiente.

Gli italiani vogliono una vita sostenibile – Corriere della Sera.