Initiative to improve sustainable fish labelling unveiled | Environment | guardian.co.uk

A new initiative to make the labelling of sustainable fish clearer and more consistent for consumers will be launched by industry and retailers on Friday, with the backing of the Fish Fight campaign setup by celebrity chef Hugh Fearnley-Whittingttall.

The voluntary code of conduct by the Sustainable Seafood Coalition (SSC), whose supermarket and supplier members represent over 80% of fish sales in the UK, should mean “consumers will be able to shop safe in the knowledge that [sustainability] claims are meaningful and harmonised across products, retailers and brands,” SSC says. Group members including Tesco, Sainsburys and Birds Eye are considering a draft of the conduct, which SSC says is being brought in due to frustration at the slow pace of legislative reforms.

viaInitiative to improve sustainable fish labelling unveiled | Environment | guardian.co.uk.

Etichette alimentari, nuove regole europee per: origine, allergeni, oli vegetali, carne, pesce, insaccati e diciture. Tutte le indicazioni in anteprima su ilfattoalimentare | Il Fatto Alimentare

Etichette alimentari, nuove regole europee per: origine, allergeni, oli vegetali, carne, pesce, insaccati e diciture. Tutte le indicazioni in anteprima su ilfattoalimentare

Il 6 luglio il Parlamento europeo, nella sessione plenaria di Strasburgo, ha adottato in seconda lettura il testo sulle nuove diciture che dovranno essere presenti sulle etichette dei prodotti alimentari. Il Fatto Alimentare in questi mesi ha seguito con attenzione il travagliato iter del regolamento1 e vi propone le parti salienti di un testo destinato a rinnovare in modo significativo le informazioni destinate al consumatore.

via Il Fatto Alimentare.

L’Efsa boccia altri 442 claims salutistici: gli effetti benefici non sono provati. L’80% delle etichette sono da rifare | Il Fatto Alimentare

L’Autorità europea per la sicurezza alimentare ha pubblicato oggi il parere su 442 diciture salutistiche che le aziende alimentari propongono sulle etichette. Si tratta del quarto gruppo di claims che sulle etichette dei prodotti vantano benefici per la salute e l’organismo esaminato dagli esperti. Sino ad ora il panel ha esaminato 2184 diciture è l’esito è sempre stato disastroso visto che nell’80% dei casi l’Autorità ha bocciato le diciture per mancanza di un valido supporto scientifico. Rimangono ancora 600 richieste che saranno esaminate entro giugno 2011. Rimangono ancora da esaminare le indicazioni riferite ai prodotti di erboristeria.

via Il Fatto Alimentare.

Il cibo ‘locale’ che viene da lontano

Quasi un quinto dei prodotti negli UK che si definiscono ‘locali’ hanno un’etichetta fuorviante, dice un recente studio. Tra i prodotti, l'”Agnello Gallese” dalla Nuova Zelandia e il “Prosciutto di Devon” dalla Danimarca. Tutto il mondo è paese…

 

via The Guardian.

Gli UK hanno bisogno di una legge che imponga l’etichettatura della carne prodotta con mangimi OGM

Se a carne e il latte dagli animali allevati con i mangimi OGM non sono etichettati consentiamo le coltivazioni non approvate di entrare nella catena alimentare

Caroline Lukas, via guardian.co.uk.