Il fast food del cibo scaduto: un pasto completo con due euro – Bianco Lavoro Magazine

Nel fast food del cibo scaduto il menù pranzo/cena costerà circa 2,20 euro (3 dollari). Combattere gli sprechi e la crisi utilizzando alimenti oltre la data di scadenza è l’idea di un imprenditore americano che dovrebbe aprire a maggio il suo “Daily Table” in un quartiere popolare di  Boston.

viaIl fast food del cibo scaduto: un pasto completo con due euro – Bianco Lavoro Magazine.

Annunci

Food Cowboy | Nothing Goes to Waste

Food cowboy usa la tecnologia per aiutare le imprese alimentari e le organizzazioni assistenziali a coordinarsi meglio per evitare lo spreco.

Food Cowboy | Nothing Goes to Waste.

Spreco alimentare zero: a Trieste Next cento sindaci firmano la carta con le dieci regole per affrontare il problema | Il Fatto Alimentare

Una Carta di impegni concreti contro lo spreco alimentare. Si chiama Carta Spreco Zero e l’hanno firmata a Trieste Next (primo Salone europeo dell’innovazione e della ricerca scientifica), 110 sindaci del Nord Est, oltre ai presidenti delle regioni Friuli Venezia Giulia e Veneto (Renzo Tondo e Luca Zaia) e agli amministratori dell’Anci, Associazione nazionale comuni virtuosi.

viaSpreco alimentare zero: a Trieste Next cento sindaci firmano la carta con le dieci regole per affrontare il problema | Il Fatto Alimentare.

“Nel 2030 il collasso alimentare” – Il Fatto alimentare

L’attuale livello di consumi porterà a un collasso globale? A confronto i dati di uno studio del MIT, degli anni Settanta, con quelli disponibili oggi. Nel 1972, quattro ricercatori del MIT (Massachusetts Institute of Technology) pubblicarono un rapporto dal titolo “The Limits to Growth“. Sulla base di modelli scientifici e matematici, venne ipotizzato che mantenere le tendenze di crescita dei consumi avrebbe condotto al collasso dell’economia globale entro il 2030. Quarant’anni dopo, quelle previsioni ritrovano attualità.

via Il Fatto Alimentare

L’Ue: “Si butta troppo cibo” 2014 anno contro gli sprechi

L’EUROPA dichiara guerra allo spreco alimentare. Il 2014 sarà l’anno che il vecchio continente dedicherà a una nuova causa: bloccare l’emorragia di cibo che trascina con sé una notevole perdita di suolo, acqua ed energia. È uno sperpero che assume dimensioni impressionanti: gli italiani buttano una quantità di alimenti che basterebbe a sfamare tutti gli spagnoli.

via La Repubblica.it

La crisi non frena gli sprechi di cibo A Natale nel cassonetto 1,32 mld di euro – Economia e Finanza con Bloomberg – Repubblica.it

Le cifre emergono da un’indagine condotta dalla Cia sulle tavole degli italiani durante le feste di fine anno. Dal 24 dicembre a Capodanno sono finite nella spazzatura 440 mila tonnellate di alimenti, oltre 50 euro a famiglia. I più sacrificati carne, uova e latticini

viaRepubblica.it.

Spreco alimentare: finisce nell’immondizia un terzo del cibo prodotto nel mondo | Il Fatto Alimentare

«Un grave problema sono gli standard di qualità che danno troppa importanza all’aspetto dei prodotti e le pratiche commerciali che incoraggiano i consumatori a comprare più cibo di quello di cui hanno effettivamente bisogno»: Olivier De Schutter, relatore speciale dell’Onu per il diritto al cibo, ha accettato di parlare con Ilfattoalimentare.it sul tema dello spreco, a margine di un incontro su biocarburanti e sicurezza alimentare.

via | Il Fatto Alimentare.